La volta che ho votato più a sinistra è stata la prima, a 19 anni, quando ho votato per la prima Lega.

Ho sempre votato estrema destra, quelle volte che mi sono recato alle urne, perché avevo imparato da mio nonno, esule d’Istria, non solo a parole e dalla pluricentenaria storia della mia famiglia che il debole andava difeso, il povero andava protetto e che il giusto andava premiato, ma che il vile, l’ignavo e il furbo andavano puniti senza clemenza.

Insomma ho imparato quella che mi è stato insegnato essere la giustizia.

Tuttavia, benché egli probabilmente oggi starebbe dalla parte della Germania a motivo delle molte esperienze belliche e post belliche, io non mi sono legato ad una ideologia che mi impedisse di seguire i principi a cui faccio ancora affidamento e che, se sinceri, non possono che illuminare la strada verso una puntuale analisi ed una visione il più possibile orientata all’equità ed all’equilibrio che non significhi opportunismo bensì sostegno alle cause e agli individui meritevoli e giusti.

alla luce di tutto questo ho combattuto e supportato le battaglie “giuste”, cioè in difesa del bene comune e delle minoranze senza badare alle etichette che gli venivano attribuite (più da chi se ne voleva fregiare per proprio tornaconto che non da chi le screditava) e senza curarmi del colore della bandiera o del punto cardinale issati sempre con scopi “particolari”.

A proposito di erichette, SONO FASCISTA se lo ritenete o se vi piace chiamarmi così. Chiamatemi come volete se ne sentite il bisogno.

Se avere questo tipo di sicurezze vi è necessario per riconoscere voi stessi e per dare orientamento alle vostre convinzioni e sostegno alle vostre certezze.

O magari per lavarvi la coscienza dai vostri errori.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
The following two tabs change content below.
Costantino Rover
Costantino Rover si occupa di comunicazione ed è un attivista indipendente autore su Scenari Economici e creatore di "L'Economia spiegata facile" su YouTube e Facebook. Collabora con alcuni dei massimi economisti italiani: A. M. Rinaldi e Nino Galloni.