Inutili, brutte, costose e corrotte; è la fama che si sono fatte in Italia ma non è colpa di attivisti e comitati del NO. La fama che le grandi opere si sono guadagnate in Italia è dovuta ai risultati quasi sempre disastrosi in termini economici, strategici, ambientali e giudiziari.

Tutto questo ci ha predisposto a prendere una posizione per il SI o per il NO che ha più ragioni ideologiche che vere motivazioni che avvallino la nostra opinione.

Eppure se fossimo abituati a considerare le cose per quello che promettono invece che per partito preso e a farci condizionare il meno possibile dalla cosiddetta informazione scopriremmo che l’opportunità o meno celata in un’opera pubblica si chiama con un nome molto semplice: produttività.

Cos’è la produttività? La produttività può essere descritta come un arricchimento (IN CAMPO PUBBLICO NON NECESSARIAMENTE INTESO COME PROFITTO) per la collettività.

L’arricchimento o il valore aggiunto si può misurare in due modi diversi:

1. ritorno economico che copre la spesa e produce un guadagno;

2. agevolazione, bene, ammodernamento, miglioria o sollievo per la società.

Le grandi opere per ridurre il traffico, produrre occupazione e persino un guadagno sono tantissime. Non vi basta? Allora pensiamo solo all’opera contro il dissesto idrogeologico o la messa a norma antisismica del Paese.

Non sono grandi opere queste?

Nel Piano di investimenti per 500 miliardi in 5 anni (clicca per saperne di più) che Economia 5 Stelle (E5S) ha sottoposto il 30 giugno 2014 ai parlamentari del Mov. con in testa Alessio Villarosa fa riferimenti specifici ad opere produttive che se messe in atto arricchirebbero la comunità e ridurrebbero costi per i cittadini e persino il debito pubblico.

Fra le varie proposte del piano troviamo quella di reddito di cittadinanza legato al ripristino dal dissesto idrogeologico con contemporaneo abbattimento del rapporto debito pubblico/PIL al di sotto del 60% in cinque anni, ma anche il piano di spesa in ricerca e sviluppo complete di schema con il piano di rientro delle spese.

Grazie a questa idea Villarosa ha potuto scrivere una proposta di riassetto del sistema bancario così come avevamo suggerito (leggi il comunicato sul Fatto Quotidiano). Da questo lavoro di E5S estrarremo alcune proposte aggiungendo altri esempi di investimenti produttivi che ci facciano capire che quando le proposte sono buone si trasformano in ricchezza per tutti.

Esempio di piano energetico per il Paese: fotovoltaico ed eolico trobosferico.

Nell’ipotesi prodotta da Alessandro Ballardin di Economia 5 Stelle l’investimento per energia verde (solare ed eolico*) verrebbe ripagato e produrrebbe un guadagno che lo Stato potrebbe reinvestire in servizi pubblici o riducendo i costi in bolletta elettrica.

L’investimento sul solare riguarda l’adozione di pannelli solari su tutte le superfici adatte, come i tetti, degli edifici di proprietà pubblica, in particolare scuole ed uffici.

Leggiamone un estratto:

Indipendentemente da aspetti legati dal costo per Kwh ci siamo concentrati su un piano energetico

di lungo termine finalizzato a garantire la totale sostituzione della dipendenza estera con

investimenti il cui costo annuo aggiuntivo è rappresentato esclusivamente dalla manutenzione

degli impianti realizzati.

(…)si potrebbe realizzare la totalità della produzione di

energia elettrica portando il fotovoltaico dal 7% attuale all’obbiettivo del 30% dell’energia annua

necessaria. Abbiamo stimato l’invesimento complessivo necessario per il fotovoltaico in €130

MLD con celle la cui longevità pare oggi sfiorare i 100 anni.

Oltre che di solare parliamo anche di eolico, ma non delle classiche pale, bensì di eolico troposferico (scopri cos’è l’eolico troposferico):

 

(…)richiederebbe la realizzazione di 10.000 centrali per un costo complessivo di circa €50 MLD.

La sommatoria dei due sistemi consentirebbe il risparmio sulla bolletta elettrica dei cittadini di circa €11 MLD annui, quindi stimiamo che in 18 anni di funzionamento l’investimento verrebbe completamente ammortizzato.

grandi opere e ammortamento dei costi

Ammortamento dei costi di opere pubbliche indirizzate alle energie rinnovabili. Fonte – http://www.imille.org/2013/09/energia-eolica-ad-alta-quota/comment-page-1


RIFIUTI E TRASPORTO MERCI PNEUMATICI

In Giappone la raccolta rifiuti si fa già così. Colonnine per la raccolta dei rifiuti collegate ad un circuito di tubi che alimentato ad aria trasporta la differenziata direttamente ai centri di stoccaggio rendendo così supreflui i mezzi per la raccolta dell’immondizia**.

Un brevetto dell’Università di Perugia (leggi il brevetto per il trasporto ad aria) prevede lo stesso principio per il trasporto delle merci senza fare buchi nelle montagne o sotto terra; basterebbe far passare i condotti sotto o a margine di strade ed autostrade.

I vantaggi sarebbero innumerevoli; dall’abbattimento del traffico di mezzi pesanti e la riduzione complessiva del traffico all’aumento della sicurezza sulle strade. Potremmo anche ridurre i livelli di smog, specie nelle città prossime agli svincoli autostradali, e dei costi di manutenzione del manto stradale. Per non parlare della ridotta incidenza sul servizio sanitario dovuta all’usura da lavoro per i camionisti, ecc. Toglieremmo un gran numero di camionisti dalle strade per trovarli in centri di smistamento e smaltimento, alle consegne a domicilio o presso le rivendite, in magazzini su muletti piuttosto che su mezzi pesanti in orari di lavoro disumani e cos’ via.


LE MALATTIE DA PM10 NON VENGONO DAL CIELO MA DALLE STRADE.

Vincere la sfida dell’a abbattimento degli gli effetti dello smog sull’ambiente non solo darebbe degli enormi benefici alla salute dei cittadini ma produrrebbe un notevole risparmio anche per le casse dello Stato facendo in modo che il surplus generato vengano reinvestiti su altre voci del bilancio.

I fine settimana a piedi o le giornate a targhe alterne non producono effetti positivi, perché?

Semplice; perché il pericolo smog ormai si è dimostrato essere non tanto nell’atmosfera, quanto a terra. E’ questo il motivo che ha spinto Nino Galloni a proporre un rimedio che non venga dal cielo ma da terra… anzi, dall’acqua… Nel suo recente articolo “Grandi e medie città senza smog” apparso su Scenari Economici troviamo la sua ricetta.

Se è vero che i rilevatori di smog misurano l’inquinamento ad un’altezza che riconduca il calcolo a quantificare il pericolo per gli abitanti, ci apparirà facile comprendere perché le tradizionali misure anti smog non possano dare benefici tangibili.

Perché dunque lo smog è presente in grande quantità nonostante le emissioni siano calate nell’ordine del 30% negli ultimi vent’anni? La ragione è semplice: la gran parte dello smog misurato viene sollevato da terra al passaggio dei mezzi stessi.

Ecco da dove parte l’idea di Galloni: mantenere lo smog a terra o farlo defluire utilizzando l’acqua mantenendo le grosse arterie metropolitane sempre umide in modo da trattenere le PM10 (leggi cosa sono le PM10) al suolo. Verrebbe da dire che servirebbero molti … Galloni!!!


L’INCENERITORE AD IMPATTO QUASI ZERO CHE PRODUCE VETRO E GAS PER GLI ESTINTORI.

Uno dei tabù più diffusi, e anche giustamente, in Italia è quello dell’inceneritore. La fissa è così  radicata da aver indotto a modifiche del linguaggio pur di placare l’inconscio impatto che la originale terminologia aveva sull’opinione pubblica.

Se provassimo ad uscire da queste paure ci accorgeremmo che esiste, ed è in funzione in via sperimentale anche in Italia, l’inceneritore che trasforma i rifiuti in vetro e gas per gli estintori producendo alla fine del processo un mucchietto di cenere.

Nulla a che vedere con i tradizionali inceneritori; stiamo parlando dell’impianto di trattamento dei rifiuti di Gioia del Colle che brucia rifiuti senza fiamma.


COME VERREBBERO FINANZIATE LE GRANDI OPERE PUBBLICHE

La risposta a come verrebbero finanziati le grandi opere si trova nuovamente fra le soluzioni di investimento contenute nel Piano di investimenti per 500 miliardi proposto da Economia 5 Stelle.

Alcune ipotesi, che qui non possiamo spiegare dettagliatamente come nel paper di E5S, ci vengono elencate così: tramite una nuova banca pubblica, con doppia circolazione Euro/moneta nazionale, con moneta fiduciaria pubblica e privata (CCF e CCE) e ritorno alla moneta sovrana. In questi modi le opere pubbliche verrebbero finanziate senza farle gravare sul bilancio dello Stato e persino senza emettere un Euro. Insomma si tratterebbe di fare spesa in deficit abbattendo il debito pubblico invece che farlo aumentare.


ALTRE FONTI

* RIFERIMENTI FOTOVOLTAICO

Quanto dura un pannello fotovoltaico.

Eolico troposferico:


** GRANDI OPERE: Rifiuti e trasporto pneumatici

Raccolta pneumatica dei rifiuti è realtà anche in Italia (leggi).

Spazzatura pneumatica: leggi Smart cities.

Spazzatura pneumatica: ascolta Smart cities.

Raccolta ad aria compressa dei rifiuti: Milano come Stoccolma.


Trasporto pneumatico sotto autostrade: leggi il brevetto Università di Perugia.

Pipenet: trasporto pneumatico merci.

Prodotti: mobilità pneumatica.

 

IMPIANTO DI GIOIA DEL COLLE

Cronaca locale sull’impianto di Gioia del Colle.

Related Post

Reddito di cittadinanza e uomo del futuro, chi imm...   Sempre più spesso vedo associare il reddito di cittadinanza al sempre più prossimo avvento dei robot che toglierà il pos...
… E poi arriva superman Non faccio neanche in tempo a parlare di sistema che produce l'anti sistema che nel giro di 24 ore mi ci ritrovo di nuovo a parlarne. Il ritratto t...
La libertà condizionata e terrorismo. Riflessione ... Limitare la libertà in contrasto al pericolo terrorismo (ma anche per favorire la coesione nell’eurozona) ...  quindi mettere le catene alla comunità ...
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
The following two tabs change content below.
Costantino Rover
Costantino Rover si occupa di comunicazione ed è un attivista indipendente autore su Scenari Economici e creatore di "L'Economia spiegata facile" su YouTube e Facebook. Collabora con alcuni dei massimi economisti italiani: A. M. Rinaldi e Nino Galloni.
Costantino Rover

Ultimi post di Costantino Rover (vedi tutti)